Nell'ultimo numero di Traguardi Sociali:
Traguardi Sociali

Stai sfogliando il n.90 Luglio / Agosto 2018

Leggi la rivista in formato pdf Cerca numeri arretrati in archivio
.PDF Numero 90 (4885 KB) Sfoglia l'archivio di Traguardi Sociali Sfoglia l'archivio di Traguardi Sociali

  Un Movimento di ‘giovani in Movimento’

Data di pubblicazione: Martedì, 2 Ottobre 2018

TRAGUARDI SOCIALI / n.90 Luglio / Agosto 2018 :: Un Movimento di ‘giovani in Movimento’

Il nuovo progetto del MCL per rilanciare la cittadinanza attiva

Con il primo settembre 2018 hanno avuto inizio le attività previste dal progetto sperimentale MCL “GIOVANI IN MOVIMENTO” cofinanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai sensi dell’Avviso 1/2017 art. 72 del D.Lgs. 3 luglio 2017 n. 117.
La proposta progettuale si rivolge prevalentemente ai giovani ed ha caratteristiche profondamente innovative, individuabili negli obiettivi oltre che nelle modalità di erogazione. Nello specifico si realizzerà prevalentemente all’interno di iniziative di sviluppo e rafforzamento del principio della cittadinanza attiva, della legalità e della corresponsabilità. In particolare, anche grazie alla realizzazione di una stretta collaborazione tra il Movimento e ben 72 Istituzioni locali.
In 23 regioni saranno così realizzati interventi concreti volti al sostegno delle attività di accompagnamento al lavoro di fasce deboli della popolazione nonché allo sviluppo della cultura del volontariato, in quest’ultimo caso ben intercettando le nuove linee di programmazione del Ministero del Lavoro fedeli ai principi ispiratori della riforma del terzo settore.
Alla base dell’iniziativa c’è la volontà di far riscoprire il valore del comune senso civico, “debellato” nell’anno scolastico 1990/91 quando fu tolta dai programmi scolastici l’ora di educazione civica, introdotta nel 1958 dall’On.le Aldo Moro che, testualmente, la definì utile “al fine di rendere consapevole la nuova generazione delle raggiunte conquiste morali e sociali che costituiscono ormai sacro retaggio del popolo italiano”.
Oggi, quanto suonano desuete queste parole, quanto pare anacronistico il riferimento alla sacralità dell’educazione, soprattutto se confrontate con una società che ha perso il senso del paradigma diritti/responsabilità generando inevitabili voragini culturali ed esperienziali.
Ed ecco che diviene allora fondamentale la promozione del concetto di cittadinanza attiva, responsabilizzando i giovani alla necessità di riappropriarsi della loro capacità di attivarsi per creare comunità mettendo assieme risorse, programmi e capacità, ristabilendo un giusto rapporto con il mondo che li circonda, le persone e le cose, da qui legalità e responsabilità civile.
“Giovani in Movimento” non è innovativo solo negli obiettivi ma, come scritto in apertura, lo è anche nelle modalità di svolgimento, notevole sarà la componente social e tecnologica del progetto. Sarà rilasciata un’applicazione che permetterà ai giovani di connettersi con le iniziative di volontariato che saranno ritenute in linea con il bilancio delle competenze di ciascun partecipante, saranno resi disponibili stage formativi presso aziende o strutture partner del progetto. Sarà curato dai volontari, inseriti nell’iniziativa, lo sviluppo di ambienti social tematici utili ad invogliare l’attivismo civico che potranno essere abbinati alla realizzazione di network pluritematici, in cui ognuno sarà messo in condizione di trovare facilmente nel tempo, e con le competenze acquisite e disponibili, una dimensione confortevole in cui esplicitare il proprio impegno civico e volontaristico.
Un percorso, quello che ci attende, utile a consegnare ai nostri giovani, ma anche a noi stessi, la capacità di utilizzare strumenti cognitivi nuovi e nuove forme di aggregazione con lo scopo di valorizzare la persona senza abbandonarla ai crudi meccanismi del mercato, lì dove invece sono in gioco diritti, beni comuni e il destino di soggetti in difficoltà.
 Torna ad inizio pagina 
Edizioni Traguardi Sociali | Trattamento dati personali