Nell'ultimo numero di Traguardi Sociali:
Traguardi Sociali

Stai sfogliando il n.90 Luglio / Agosto 2018

Leggi la rivista in formato pdf Cerca numeri arretrati in archivio
.PDF Numero 90 (4885 KB) Sfoglia l'archivio di Traguardi Sociali Sfoglia l'archivio di Traguardi Sociali

  L’incontro del Presidente MCL con il Cardinale Angelo Bagnasco

Data di pubblicazione: Lunedì, 8 Ottobre 2018

TRAGUARDI SOCIALI / n.90 Luglio / Agosto 2018 :: L’incontro del Presidente MCL con il Cardinale Angelo Bagnasco

Costalli: “Su Genova non si può fare campagna elettorale: è ora di passare dagli annunci ai fatti”

“Non si può fare campagna elettorale sulla tragica vicenda del crollo del ponte di Genova e sulla testa dei genovesi: le vittime e le lo famiglie meritano risposte concrete”: così il Presidente del Movimento Cristiano Lavoratori (MCL), Carlo Costalli, a margine di una recentissima visita a Genova, ha commentato la tragedia del Ponte Morandi. “Fino ad oggi abbiamo assistito a troppe dichiarazioni roboanti, servite solo a riempire le pagine dei mass media e dei social senza peraltro che vi siano stati esiti concreti: ci fa piacere leggere che il Ministro Toninelli ha il Decreto per Genova ‘in mano’… ma forse a un mese e mezzo di distanza dalla tragedia sarebbe ora di passare dalle parole ai fatti”, ha detto ancora Costalli.
Per il Presidente MCL la massima priorità adesso è quella di garantire una sistemazione degna agli sfollati e dare sostegno alle vittime: “sono venuto qui a Genova proprio per incontrare le famiglie delle vittime - ha detto - e i tanti dirigenti del Movimento che, fin dalle prime ore del disastro, si sono attivati con l’organizzazione di un centro di ascolto e di accoglienza per le famiglie che hanno dovuto lasciare le proprie abitazioni”.
Non solo, per Costalli “La riflessione sulla ricostruzione del ponte di Genova, e più in generale sul suo rilancio, non può essere relegata nell’ambito della mera solidarietà perché rappresenta un terzo dello sviluppo italiano”. Per que- sto è assolutamente urgente “ricostruire rapidamente il collegamento viario interrotto con il crollo del ponte, strategico a livello non solo locale ma nazionale ed europeo. Ed è fondamentale anche impegnarsi per riattivare al più presto le attività commerciali, artigianali e industriali danneggiate e ridare così piena vita al Porto di Genova restituendolo al suo ruolo strategico nel contesto economico italiano”.
E invece purtroppo assistiamo al balletto di chiacchiere di una politica priva di visione, cui “manca una forte volontà di dotare il Paese di infrastrutture adeguate a sostenerne la crescita e la competitività, mentre gli annunci e le invettive, i veti, i No alle infrastrutture dovrebbero essere un passato ormai da eliminare, frutto di una visione rancorosa e giustizialista”.
Infine un passaggio commosso sull’incontro con il Cardinal Bagnasco: “Mi hanno molto colpito le parole pronunciate dal Cardinale dopo la tragedia: ‘la città è colpita ma vuole risorgere’, così come la sua vicinanza alla popolazione ferita dalla tragedia, e a tutti i genovesi, le sue parole di speranza per il futuro e la sua continua ricerca di unità nella fiducia, nonostante tutto, perché un popolo che non ha fiducia in sé e negli altri non ha futuro”, ha concluso Costalli.
 Torna ad inizio pagina 
Edizioni Traguardi Sociali | Trattamento dati personali