Nell'ultimo numero di Traguardi Sociali:
Traguardi Sociali

Stai sfogliando il n.74 Ottobre / Novembre 2015

Rivista in pdf non allegata

  Taccuino

Data di pubblicazione: Venerdì, 30 Ottobre 2015

TRAGUARDI SOCIALI / n.74 Ottobre / Novembre 2015 :: Taccuino

Il 10 ottobre scorso è stato inaugurato a...

Il 10 ottobre scorso è stato inaugurato a Lodi un nuovo centro servizi del MCL, alla presenza del Vescovo di Lodi Mons. Maurizio Malvestiti e del presidente MCL Carlo Costalli. Nelle foto due momenti significativi della cerimonia di inaugurazione.

Taccuino

COMPIE 100 ANNI GAETANO VALERIO, UNO DEI PIù LONGEVI ISCRITTI AL MCL

Ha appena compiuto i 100 anni, Gaetano Valerio, nato a Cutro (Kr) il 9 ottobre 2015. Una vita trascorsa lontano dalla patria, dai suoi figli e dalla famiglia, una vita spesa attraversando i grandi eventi storici che hanno segnato tante vite come la sua: la campagna di colonizzazione in Libia, la seconda guerra mondiale, gli anni della prigionia, il rientro in Italia e le lotte per la riforma agraria.
Oggi, a 100 anni, il Sig. Gaetano è probabilmente uno dei soci più anziani del MCL, e proprio dall’affetto dei suoi cari e del Movimento è stato circondato nel giorno del suo compleanno.
Al Sig. Gaetano vanno gli auguri più affettuosi di tutta la Presidenza MCL.
Nella foto: un momento dei festeggiamenti con la consegna della targa che il circolo MCL di Crotone ha voluto regalare al neocentenario.

IL MCL IN ROMANIA HA UNA NUOVA “CASA”

Continua senza sosta l’impegno ormai ventennale del MCL in terra di Romania, dove il Movimento è presente con un’intensa attività di formazione, e con iniziative pensate in modo particolare per i giovani, oltre che sul terreno del dialogo sociale e dell’integrazione europea: temi particolarmente cari all’Arcidiocesi di Bucarest, con la quale si è ormai consolidata un’intensa collaborazione.
Tante sono state in questi anni le iniziative di solidarietà realizzate, oltre che nella capitale Bucarest – dove è da anni attiva una sede MCL –, anche in altre città, costruendo in tal modo una fitta rete di relazioni ecclesiali e con la comunità cristiana rumena, oltre che con le istituzioni locali, attraverso la partecipazione attiva a progetti finanziati dall’Unione europea.
Il Movimento ha deciso adesso di compiere un ulteriore sforzo per favorire il dialogo e lo scambio sociale, culturale e religioso avviando la costruzione di una nuova casa del MCL a Bucarest: una casa che verrà edificata su un terreno donato al Movimento dall’Arcivescovo Metropolita Ioan Robu in una zona particolarmente depressa della città.
Proprio negli scorsi giorni la Presidenza nazionale del MCL ha inviato una delegazione in Romania, composta dal vicepresidente Antonio Di Matteo e dal componente della Presidenza Nicolò Papa, incaricati di seguire da vicino l’iter dei lavori e lo stato di avanzamento del progetto. Nel corso della visita la delegazione MCL ha incontrato l’Arcivescovo Ioan Robu, l’Ambasciatore italiano Diego Brasioli, il Nunzio apostolico Mons.
Francisco Javier Lozano-Sebastian e ha partecipato ad un incontro promosso dalla Conferenza episcopale romena.

A NAPOLI MCL ORGANIZZA LA IV EDIZIONE DEL PREMIO “CARDINALE CRESCENZIO SEPE”

Anche il MCL di Napoli ha voluto dire la sua nel cammino preparatorio al Convegno ecclesiale nazionale di Firenze, mettendo a disposizione il proprio contributo di idee e proposte. Lo ha fatto con un’iniziativa intitolata “Verso Firenze per un nuovo umanesimo”, nell’ambito della quale si è tenuta la IV Edizione del Premio “Cardinale Crescenzio Sepe”. Un evento organizzato insieme all’Arcidiocesi di Napoli e che ha dedicato uno spazio particolare al progetto “Dal seme al cibo”.
Alla giornata di lavoro – voluta anche per riflettere e richiamare l’attenzione sul tema dei migranti e sulla necessità di operare con interventi concreti – hanno preso parte fra gli altri il presidente provinciale del MCL Michele Cutolo, il Rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Gaetano Manfredi, il direttore regionale scolastico Luisa Franzese, il giudice Antonio Buonajuto, il presidente Bcc Amedeo Manzo, il direttore della Fondazione Migrantes Giancarlo Perego, il giornalista Antonio Manzo. Moderatore del dibattito Guido Pocobelli Ragosta.
Vincitori del Premio di quest’anno: Massimo Milone per il giornalismo, l’Associazione Milleculure per lo sport, Sal Da Vinci per lo spettacolo.
“E’ un messaggio forte che proviene da questa città unica e piena di energia che merita attenzione essendo la capitale del Mezzogiorno”, ha affermato il Presidente provinciale del MCL di Napoli, Michele Cutolo. “Noi del MCL intendiamo riaffermare i valori non negoziabili della fratellanza, della solidarietà, della famiglia indissolubile, come costruita nel Vangelo e nella sua parola”.
Valori accanto a opere concrete: è il leit motiv dell’impegno del MCL in favore di chi soffre, di chi è più debole. Come, appunto, nel progetto “Dal Seme al Cibo”, targato MCL e Cefa, che vuole essere un segnale tangibile e di presenza verso le persone in difficoltà.

PROSEGUE L’IMPEGNO DEL MCL IN TERRA SANTA A ROMA L’INCONTRO CON IL PATRIARCA, MONS. TWAL

Mercoledì 14 ottobre la Presidenza Nazionale del MCL ha incontrato, in Vaticano, il Patriarca Latino di Gerusalemme, Mons. Fouad Twal. Un’occasione per ribadire la vicinanza e la partecipazione del Movimento alle apprensioni e ai progetti del Patriarcato: in particolare il MCL continua ad essere in prima linea per l’ampliamento dell’Università di Madaba. Molto è stato fatto ma tanto c’è ancora da fare, visto che gli studenti iscritti aumentano sempre più. L’ulteriore contributo che il MCL ha consegnato nelle mani del Patriarca servirà per varie migliorie all’interno del campus.
Sua Beatitudine Mons. Twal crede molto a questo progetto, voluto per creare un terreno di dialogo e di incontro fra culture diverse: un’istituzione per formare la classe dirigente del futuro all’insegna del rispetto reciproco e della pacifica convivenza.
Se le persone studiano insieme, imparando a conoscersi e a rispettare le differenze, difficilmente individueranno nel vicino un nemico.
Quello di Madaba è un campus moderno e aperto agli studenti di tutto il Medio Oriente: un complesso che, sotto il motto accademico “Sapientia et Scientia”, fornisce ai propri studenti sale per lo studio, accesso gratuito a internet e campi per svariati sport.
Un progetto per la cultura e l’integrazione che il MCL ha fatto proprio e al quale ha dedicato notevoli risorse per l’opera di costruzione prima, e l’assegnazione di borse di studio per gli studenti più meritevoli poi.
Un campus gestito da cattolici ma aperto a tutti: un’università moderna costruita e ampliata anche grazie all’aiuto del MCL. Questa è la più grande soddisfazione: perché la pace passa necessariamente dalla cultura e dalla convivenza.
 Torna ad inizio pagina 
Edizioni Traguardi Sociali | Trattamento dati personali