NOME UTENTE        PASSWORD  

Hai dimenticato la tua password?

Nell'ultimo numero di Traguardi Sociali:
Traguardi Sociali

Stai sfogliando il n.83 Marzo / Aprile 2017

Leggi la rivista in formato pdf Cerca numeri arretrati in archivio
.PDF Numero 83 (4068 KB) Sfoglia l'archivio di Traguardi Sociali Sfoglia l'archivio di Traguardi Sociali

  “Chiesa e lavoro: quale futuro per i giovani del Sud?”

Data di pubblicazione: Sabato, 11 Marzo 2017

TRAGUARDI SOCIALI / n.83 Marzo / Aprile 2017 :: “Chiesa e lavoro: quale futuro per i giovani del Sud?”

A Napoli un Convegno con oltre cento vescovi del Mezzogiorno

L’8 e il 9 febbraio presso la Stazione Marittima del molo Beverello di Napoli si è tenuto il convegno “Chiesa e lavoro: quale futuro per i giovani del Sud?”, cui hanno partecipato cento vescovi provenienti da tutto il Mezzogiorno.
I lavori della prima giornata sono cominciati con la lettura del significativo messaggio inviato da Papa Francesco che ha denunciato il “dramma di tanti lavoratori sfruttati per avidità, a causa di una mentalità che guarda al denaro, ai benefici economici a scapito dell’uomo” rimarcando inoltre che “una società che non offra alle nuove generazioni sufficienti opportunità di lavoro dignitoso non può dirsi giusta”; successivamente è stata data lettura degli ulteriori messaggi del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e del Primo Ministro, Paolo Gentiloni.
Hanno presenziato e sono intervenuti il Presidente della Cei Cardinale Angelo Bagnasco, il Segretario Generale della Cei Mons. Nunzio Galantino, il Presidente della Commissione Cei per i problemi sociali e il lavoro Mons. Filippo Santoro, il Cardinale di Napoli Crescenzio Sepe, oltre al sindaco della città metropolitana Luigi de Magistris, al presidente della Giunta regionale Vincenzo De Luca, al ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti, e al Presidente nazionale del Movimento Cristiano Lavoratori Carlo Costalli, invitato a intervenire in rappresentanza del mondo cattolico. Il Cardinal Bagnasco ha presieduto l’omelia della Messa d’apertura della seconda giornata - tenutasi nella chiesa di S.Paolo in Piazza del Plebiscito - pronunciando parole di incoraggiamento verso i giovani disoccupati “Non sarete soli. Con voi ci saranno i pastori della Chiesa”.
Tema principale delle due giornate di convention è stato proprio la ricerca di nuove ed efficaci soluzioni all’annoso problema della disoccupazione giovanile, sempre più diffusa, e del lavoro in nero con l’obiettivo di creare un’alleanza Chiesa-Istituzioni che possa garantire maggiore tutela e donare nuove speranze e prospettive.
A tal proposito il Cardinale Sepe ha quindi affermato che “la Chiesa del Sud è pronta a fare la sua parte, a mettere a disposizione le sue strutture ma c’è bisogno di una stretta alleanza con le istituzioni per dire a questi ragazzi: da oggi in poi siete coinvolti in un lavoro utile per la società ma anche per la Chiesa stessa che vi appoggia e vi è vicina”.
I successivi lavori, moderati da Vincenzo Morgante, direttore del Tgr Rai, hanno tracciato il percorso e individuato i punti cardine degli interventi necessari affinché si possa ottenere una significativa inversione di tendenza e scongiurare quello che è il tema maggiormente preoccupante: l’emigrazione dei giovani dal Sud.
Infatti, secondo le stime attuali, entro il 2065 il Mezzogiorno rischia di perdere fino a cinque milioni di abitanti.
Tuttavia il convegno non è stato focalizzato solo sul racconto del dramma e l’analisi dei problemi del Sud: vero obiettivo della due giorni di incontri è stato quello di formulare proposte e instaurare un forte dialogo con le istituzioni affinché le politiche riguardanti l’occupazione giovanile diventino assolutamente centrali e prioritarie per i governi regionali del Mezzogiorno.
Una Chiesa dunque dal ruolo sempre più attivo e propulsivo, che investe nella risorsa più preziosa: i giovani.

Michele Cutolo
 Torna ad inizio pagina 
Edizioni Traguardi Sociali | Trattamento dati personali