Nell'ultimo numero di Traguardi Sociali:
traguardi sociali
n.92 Gennaio / Febbraio 2019 In questo numero: Leggi la rivista in formato pdf
.PDF Numero 92 (3271 KB)
Cerca numeri arretrati in archivio
Sfoglia l'archivio di Traguardi Sociali Sfoglia l'archivio
documenti allegati

Nessun documento allegato

links correlati

Nessun link correlato

Edizioni Traguardi Sociali

Via L.Luzzatti, 13/a 00185 ROMA
Tel: +39 06 700 5110
FAX: +39 06 700 5153
E-Mail: info@edizionitraguardisociali.it
PI: 07083501002
Traguardi Sociali

Stai sfogliando il n.92 Gennaio / Febbraio 2019

Leggi la rivista in formato pdf Cerca numeri arretrati in archivio
.PDF Numero 92 (3271 KB) Sfoglia l'archivio di Traguardi Sociali Sfoglia l'archivio di Traguardi Sociali

  Il Presidente della CEI incontra i vertici del Movimento

Data di pubblicazione: Lunedì, 21 Gennaio 2019

TRAGUARDI SOCIALI / n.92 Gennaio / Febbraio 2019 :: Il Presidente della CEI incontra i vertici del Movimento

Bassetti al MCL: “Cattolici, facciamo rete e ripartiamo dalla DSC”

In questa Italia dal territorio fragile, dove fragile è anche il cuore della gente - messa a dura prova da una realtà che fa paura e incattivisce -, occorre più che mai “ricucire, ricostruire” un tessuto sociale sano, che metta al centro la persona e i valori della solidarietà e il bene comune, ripartendo dal “fare rete” e dallo “sporcarsi le mani” in una politica che “oggi più che mai ha bisogno di progetti fatti bene”.
Questo in buona sostanza il messaggio rivolto a tutto il mondo cattolico, che il Presidente della Cei, Cardinale Gualtiero Bassetti, ha rivolto dalla sede della Presidenza nazionale del MCL, dove si è recato nei giorni scorsi, ad appena una settimana dall’inizio del XIII Congresso Nazionale MCL, per incontrare i vertici nazionali del Movimento.
Un incontro prezioso che, per volontà stessa del Cardinale si è tenuto sotto forma di dialogo aperto tra il Presidente della Cei e i dirigenti MCL.
Un’occasione per fare il punto e ripartire insieme dai temi centrali di questo tempo: su tutti il lavoro (“la gente ha un disperato bisogno di lavorare”, in quanto è proprio nel lavoro che si esprime la dignità della persona). E poi la memoria dei valori che sono alla base del progetto europeo, come inizialmente voluto dai Padri fondatori: “l’Europa ha in sé le radici di un umanesimo cristiano” che va riscoperto affinché torni a essere “l’Europa dei popoli, la nostra casa comune”. E, ancora, i giovani: “dobbiamo fare in modo che i giovani tornino a innamorarsi del sociale”.
Un percorso impegnativo che chiama tutti a un nuovo senso di responsabilità dell’essere cristiani oggi: “dobbiamo tornare a parlare di DSC, perché la fede non è un fatto privato ma va testimoniata”, ha detto.
Parole incoraggianti quelle del Cardinale, in piena linea con quanto sostenuto dal Presidente del MCL, Carlo Costalli: “l’impegno dei cattolici serve. In tutti i campi. Ma soprattutto in quello della carità politica.
Non può essere timido. Non può essere titubante né subalterno.
Si tratta di vivere pienamente e concretamente la responsabilità della cosa pubblica, per salvaguardare e sviluppare i luoghi della partecipazione e del confronto, senza i quali non può esservi una vera democrazia”, ha detto.
Insomma le linee sono tracciate. Ora, e già dal prossimo appuntamento congressuale, starà a noi rimboccarci le maniche.
 Torna ad inizio pagina 
Edizioni Traguardi Sociali | Trattamento dati personali